Tutto quello che credevi di sapere sulla vendita NON funziona più nel 2023.

E ora ti spiego il perchè...

Mettiti comodo.

Perché quello che stai per leggere è un vero e proprio mini-corso. Anzi, se tu fossi davvero saggio, ti stamperesti questa pagina e te la studieresti come se fosse un manuale. 

Di fatto lo è. 

Non scherzo. 

Per scrivere questa sales page… – sì, l’ho detto, è una sales page, e a un certo punto ti venderò qualcosa. Sacrilegio! – Dicevo, per scrivere questa sales page ho fatto una marea di ricerche. 

Ho parlato con tantissime persone: amici, clienti, collaboratori. Ho raccolto dati, informazioni, ho parlato coi miei mentori… 

Ho osservato. Riflettuto. Studiato… 

E sono giunto a una conclusione:

La vendita è morta.

Perlomeno la vendita per come la conosciamo, ovvero il “vecchio” modello. Sono anni che insegno la vendita. 

E mi secca ammettere che alcuni dei contenuti che ho condiviso alcuni anni fa, purtroppo, oggi funzionano sempre meno. 

O meglio, il problema non sono i contenuti, ma il mercato che sta cambiando – perché c’è stato un esercito di venditori d’assalto che ha rovinato la nostra reputazione. 

E ora i clienti non si fidano più di noi venditori in generale. Sta diventando sempre più una questione di numeri che di capacità di chiusura. 

Quindi la forbice tra no e sì si sta allargando sempre di più. Se prima i SI erano maggiori dei NO, oggi i NO sono estremamente maggiori dei SI e quindi o resisti, o sei… fuori. 

Andando avanti avrai sempre più bisogno di una fortissima auto-motivazione perché i NO sono sempre più numerosi. 

E magari un unico SI deve bastarti a tenerti motivato per affrontare 10 NO di fila. Questo è quello che accade col vecchio modello… non sto dicendo che non puoi più chiudere una vendita con le tecniche che hai applicato fino ad oggi. 

Ovviamente è possibile. 

Però ti sto dicendo che…

…andando avanti avrai sempre più bisogno di numeri - cosa però sempre più difficile visto che è sempre più COSTOSO generare lead con il traffico online.

Ecco quindi che ti trovi in un vicolo cieco. 

Hai notato che il costo del traffico online è schizzato alle stelle? 

E hai notato che i tassi di conversione dei venditori si sono abbassati? 

Se la matematica non è un’opinione significa che:

Credimi, se non ti dai subito una mossa e non cambi modello di vendita non riuscirai a superare questo periodo… 

È sempre più difficile ottenere un SI, quindi hai bisogno di più lead per chiudere una vendita. 

Ma dall’altro lato anche il traffico online si è fatto più costoso, e quindi è diventato più difficile raccogliere lo stesso numero di lead – figuriamoci aumentarli. 

Per questo dico che hai bisogno di lavorare di qualità, di fino. Hai bisogno di un NUOVO modello di vendita. Il problema non sta nemmeno nel vecchio modello in sé e per sé. 

Sta nel fatto che ormai le persone sono “sgamate”, conoscono le tecniche di vendita: quindi come sentono anche solo una parola che hanno già sentito dire da un precedente venditore, non importa quanto tu possa essere bravo, smetteranno di ascoltare, alzeranno le difese, e per te sarà game over. 

Cosa è accaduto in questi anni?

Il mercato sta evolvendo alla velocità della luce.

Le persone si sono abituate negli anni ai venditori e alle tecniche di vendita.

Oramai tutto quello che noi venditori diciamo e facciamo non funziona più, o comunque non funziona più come un tempo. 

E non parlo di 40 anni fa, o di 20… parlo anche solo di uno o due anni fa. 

Quando ho lanciato il mio corso sulla vendita, Super Selling X, il panorama italiano era completamente diverso. 

E non solo quello italiano. In generale, il mercato mondiale era completamente diverso. 

In pochi anni tutto è cambiato. E il vecchio modello di vendita NON funziona più.

Attenzione: non sto parlando di singole tecniche di vendita: non si tratta di inventare una nuova tecnica, o raffinare una tecnica esistente. Non serve a nulla. È tutto inutile.


Quello che ti serve?

Un nuovo modello di vendita.

E per tua fortuna, se stai leggendo questa pagina, significa che sei nel posto giusto. 

Per questo ho preparato per te alcuni approfondimenti di taglio giornalistico, che puoi tranquillamente saltare. 

Ma che io ti consiglio di leggere perché contengono alcuni dati interessanti sulla vendita. Ne troverai diversi in questa pagina – ricordi quando ti dicevo che era una sales page atipica? 

Te l’ho detto, più che una sales è un report sulla vendita. 

E ti consiglio di studiartelo con attenzione. 

Ecco il primo approfondimento…

Approfondimento 1

Le tecniche di vendita che NON funzionano più nel 2023

Nel corso degli anni, alcune tecniche di vendita hanno perso efficacia nel contesto del mercato italiano. 

Le seguenti tecniche, un tempo utilizzate con successo, ora sono considerate obsolete o poco efficaci: 

Approccio aggressivo: L’approccio aggressivo, che si basa su pressioni e manipolazioni psicologiche per ottenere una vendita, è diventato sempre meno efficace. I consumatori odierni sono più consapevoli dei propri diritti e sono meno inclini ad accettare tattiche di vendita aggressive. Preferiscono interazioni più trasparenti e orientate alla consulenza. 

Vendita ad ampio spettro: Questa tecnica consiste nel vendere un ampio assortimento di prodotti o servizi, cercando di soddisfare tutti i bisogni del cliente in una sola transazione. Tuttavia, nel 2023, i consumatori tendono a preferire soluzioni specializzate e personalizzate. 

Gli approcci di vendita che si concentrano su offerte specifiche e mirate hanno maggiori probabilità di successo. 

Discorsi di vendita standardizzati: I discorsi di vendita standardizzati e ripetitivi, che non tengono conto delle specifiche esigenze del cliente, sono sempre meno efficaci. 

I consumatori si aspettano una comunicazione personalizzata e mirata, che dimostri una comprensione delle loro esigenze e dei loro problemi. L’approccio “taglia unica” rischia di perdere l’attenzione dei potenziali acquirenti. 

Falsi incentivi o promesse esagerate: La promozione di incentivi o promesse che non possono essere mantenute ha perso credibilità nel contesto attuale. I consumatori sono diventati più scettici e desiderano fare acquisti basati su informazioni accurate e oneste. 

L’uso di esagerazioni o informazioni fuorvianti può danneggiare la reputazione del venditore e ridurre le possibilità di successo. 

Non ascoltare il cliente: Una delle principali tendenze nel settore delle vendite nel 2023 è la centralità del cliente. Non ascoltare attentamente le esigenze e i desideri del cliente può portare a proposte inadeguate o poco mirate. 

È importante adottare un approccio orientato alla consulenza, che metta l’accento sull’ascolto attivo e sulla comprensione dei bisogni del cliente. 

In conclusione, nel contesto attuale del mercato italiano, molte delle tecniche di vendita tradizionali hanno perso efficacia.

L’approccio aggressivo, le vendite ad ampio spettro, i discorsi di vendita standardizzati, le promesse esagerate e l’incapacità di ascoltare attentamente il cliente sono tutte tecniche che ormai non funzionano come un tempo. 

I venditori di successo nel 2023 sono quelli che adottano il “nuovo modello” proposto da Cosentino Michele.

NOTA: Prima di scoprire l’INGREDIENTE MAGICO del nuovo modello di vendita… cerchiamo di capire meglio come se la passano i venditori in Italia.

Come se la passano in Italia i venditori?

Non bene, se chiedi a me.

Secondo alcuni sondaggi, il 59% dei clienti preferisce NON parlare affatto con un venditore (fonte: Aligned to Achieve). 

Non meno preoccupanti sono i dati raccolti da Gartner, una società per azioni multinazionale che si occupa di consulenza strategica, ricerche di mercato e analisi nel campo della tecnologia dell’informazione. 

Secondo questa società e le sue indagini, quasi la metà dei Millennials preferirebbe NON avere interazioni con un referente commerciale, almeno in ambito B2B. 

Se si considera che i nativi digitali rappresenteranno ben oltre il 50% della popolazione mondiale nei prossimi 3-5 anni, l’evoluzione della figura del venditore diventa davvero una priorità. 

Perché se il venditore non si evolve, è difficile che riesca a stare in piedi nei prossimi anni… 

Ma nello specifico, in Italia, come se la passano i venditori? Ho fatto qualche ricerca. Stando al sito Talent, un venditore in Italia guadagna in media 15 euro all’ora. Poco più di un giardiniere, per capirci. 

Altri siti sono più ottimisti, e parlano di circa 35-40k l’anno in media. Quindi circa 3000 euro al mese LORDI. 

Per carità, c’è chi sta peggio, non lo metto in dubbio, ma se pensi alle spese, alle tasse, e al costo della vita che continua a salire… diciamo che non è nemmeno questa gran vita.

Approfondimento 2

Il ruolo del venditore in Italia: tra difficoltà e sfide

In un mondo sempre più globalizzato e competitivo, il ruolo del venditore riveste un’importanza fondamentale per l’economia italiana. 

Sia che si tratti di vendere prodotti o servizi, i venditori sono i veri protagonisti delle transazioni commerciali, ma spesso devono affrontare molte difficoltà e sfide nel loro lavoro quotidiano. 

Difficoltà nell’era digitale 

L’avvento delle nuove tecnologie e l’esplosione del commercio online hanno rivoluzionato il modo in cui i consumatori acquistano beni e servizi. Questo ha comportato una serie di difficoltà per i venditori tradizionali. 

Oggi, il consumatore ha a disposizione una vasta quantità di informazioni online, e questo ha reso i clienti più consapevoli ed esigenti. I venditori devono adattarsi a questa nuova realtà, fornendo un valore aggiunto attraverso una consulenza personalizzata e una conoscenza approfondita dei prodotti o servizi offerti. 

La competizione acerrima 

In un mercato sempre più affollato, i venditori si trovano ad affrontare una concorrenza agguerrita. Ogni settore è saturo di offerte simili, rendendo difficile distinguersi dalla massa. 

I venditori devono quindi sviluppare strategie di vendita innovative, capire i bisogni specifici dei clienti e offrire soluzioni personalizzate. La capacità di differenziarsi diventa fondamentale per ottenere successo. 

Le relazioni con i clienti 

Costruire relazioni solide con i clienti è un aspetto cruciale del ruolo del venditore. Tuttavia, ci sono diverse difficoltà che possono ostacolare questa dinamica. 

Alcuni clienti possono essere restii ad affidarsi a un venditore, spesso a causa di esperienze passate negative o di una mancanza di fiducia nel processo di vendita. 

Inoltre, la crescente tendenza dei consumatori a fare ricerche online e a utilizzare le recensioni degli altri acquirenti per prendere decisioni d’acquisto rende difficile instaurare un rapporto personale e di fiducia con il cliente. 

La gestione dello stress e delle pressioni 

Il lavoro di un venditore può essere estremamente stressante. La necessità di raggiungere obiettivi di vendita, il confronto costante con la concorrenza e la pressione da parte dei superiori possono generare un alto livello di stress. 

Inoltre, i venditori devono essere in grado di gestire le reazioni negative dei clienti e di affrontare le eventuali obiezioni con calma e professionalità. 

Lo stress può influire negativamente sulla produttività e sulla salute mentale dei venditori, richiedendo un’attenzione particolare alla gestione del benessere personale. 

Le sfide future 

Nel contesto di un mondo in rapida evoluzione, i venditori devono affrontare nuove sfide. L’intelligenza artificiale e l’automazione stanno trasformando il settore delle vendite, con il potenziale di sostituire alcuni compiti tradizionalmente svolti dai venditori umani. 

Questo richiede ai venditori di adattarsi e sviluppare competenze complementari alle tecnologie emergenti, come l’abilità di comprendere e utilizzare i dati e di fornire una consulenza specializzata. 

Per concludere, il ruolo del venditore in Italia è caratterizzato da numerose difficoltà e sfide. L'avvento delle tecnologie digitali ha cambiato le dinamiche del mercato, richiedendo ai venditori di adattarsi e di offrire un valore aggiunto ai clienti.

La concorrenza acerrima, la costruzione di relazioni con i clienti, la gestione dello stress e le sfide future rappresentano tutte opportunità di crescita e sviluppo per i venditori che riescono ad affrontarle con determinazione e competenza. 

Il ruolo del venditore rimane un pilastro fondamentale dell’economia italiana, in cui la capacità di adattamento e l’innovazione sono le chiavi per il successo.

Come è cambiato il ruolo dei venditori in questi anni?

Da semplici “raccoglitori di ordini” a...

Da semplici “raccoglitori di ordini”, i venditori per forza di cose sono diventati sempre più dei consulenti. 

E questo processo è destinato a compiersi nei prossimi mesi. I venditori che non avranno completato la loro metamorfosi in consulenti sono destinati a fare una pessima fine nel 2023. C

erto, internet ha influito in tutto questo. Il Covid e i vari lockdown hanno dato il loro contributo. La gente si è abituata a comprare sempre più online e sempre più in autonomia, senza alcuna interazione con un venditore. 

Negli anni del Covid, le transazioni online hanno subito un’impennata incredibile. Spesso direttamente con un click, senza un venditore di mezzo. Ma questa è solo una faccia della medaglia… Internet da sola non spiega la situazione attuale. 

La verità è che il mercato è cambiato. Il vecchio modello di vendita NON funziona più. Le persone si sono abituate alle tecniche di vendita, e quindi hanno le difese sempre più sollevate. 

Durante le mie ricerche, mi è rimasta impressa una frase che ho letto in un blog:

“La vendita è passata da scambio transazionale a vendita collaborativa, ovvero lo scambio di informazioni strategiche all’interno di una relazione di fiducia”.

E allora che fare? Bisogna cambiare modello. La figura del venditore non è più la stessa. Il vecchio modello NON vale più.

Se vuoi vendere - anzi, SPERARE di vendere - nel 2023, devi abbracciare il “nuovo modello”…

Ed è proprio di questo che ti vorrei parlare nelle prossime righe. Ma prima direi che è il caso che io mi presenti…

Chi è Mik Cosentino?

Nella mia vita ho affrontato diversi cambiamenti e profonde trasformazioni. Soprattutto quando, da nuotatore professionista pluripremiato quale ero, ho dovuto reinventarmi e fare i conti con una realtà frustrante in cui non ottenevo alcun risultato. 

Ho però trovato la forza nelle persone che ce l’avevano fatta prima di me, non mi sono piegato di fronte alle difficoltà e oggi insegno ai miei studenti come cambiare la propria vita attraverso l’informarketing.

Dal 2015 ad oggi, attraverso i miei libri, programmi formativi e il brand InfomarketingX (creato nel 2018), ho aiutato più di 50.000 persone tra studenti, professionisti e imprenditori, a potenziare la propria attività attraverso l’insegnamento delle tecniche dell’Infomarketing. 

Grazie al duro lavoro e all’applicazione dei miei insegnamenti, 1.100 di loro vivono di Infomarketing, 34 sono arrivati a guadagnare più di 100K all’anno, altri 9 sono diventati milionari. 

La mia missione è quella di condividere l’esatto modello che ho utilizzato per passare dalla nullità alla fama imprenditoriale che mi ha portato a generare, ad oggi, oltre 10 milioni di dollari di vendite online.

E perchè sono qui oggi?

Perché la vendita è una delle mie passioni. Da sempre.

Uno dei primi corsi che ho lanciato si chiamava proprio Super Selling X - e da allora in tutte le mie aziende mi sono sempre occupato in prima persona della formazione dei venditori.

Questa mia passione per la vendita è facilmente intuibile anche dal mio ultimo libro, intitolato “Vendere da Paura”. Ma proprio perché la vendita è una delle mie passioni, non potevo accettare che questa magnifica disciplina fosse avvolta da questo alone di miseria…

La vendita è una nobile arte, qualcosa di cui andare fieri – ma solo se sei un Venditore d’Onore.

Per questo motivo sono qui. Perché voglio riportare in auge la vendita, quella vera, quella rispettabile e onorabile. Quella in cui TU sei rispettato e onorato. Quella in cui NON ti devi vergognare a dire che fai il venditore, quando ti chiedono che lavoro fai. 

Quella in cui invece delle metafore di guerra, di attacco o di assalto, si parla di ascolto, empatia, onore, pazienza. In una parola, questa è la NUOVA vendita. E io sono qui per insegnartela.

Perché la vendita aggressiva non funziona più?

Una volta era la norma, ma nel 2023, amico mio, le cose sono cambiate. Prima di tutto, pensa al modo in cui la gente vive oggi. 

Siamo costantemente bombardati da pubblicità, messaggi di vendita e sollecitazioni. Le persone sono stanche di sentirsi trattate come un bersaglio per venditori che cercano solo di spingere i loro prodotti o servizi. 

Non vogliono essere “attaccate” con approcci aggressivi e invadenti. Invece, cercano autenticità, relazioni significative e un servizio personalizzato. 

La vendita aggressiva solitamente si basa sulla pressione, sulla manipolazione e sulla convinzione forzata. Immagina un venditore che cerca di convincerti ad acquistare qualcosa, anche se tu non ne hai bisogno o non ne sei interessato. 

Ti spinge, ti interrompe e ti mette in imbarazzo. 

Questo tipo di approccio non solo irrita le persone, ma crea anche una cattiva reputazione per il venditore e l’azienda che rappresenta. 

Inoltre, viviamo in un’era in cui l’accesso all’informazione è immediato e abbondante. 

Prima di fare un acquisto, le persone fanno ricerche online, leggono recensioni, confrontano prezzi e valutano le opzioni disponibili. Quindi, cercano una decisione informata, basata su fatti e dati reali. 

Un venditore che cerca di imporre una soluzione senza considerare le esigenze del cliente, viene facilmente smascherato e perde la fiducia del cliente. Inoltre, le persone si sono evolute nel modo in cui acquistano. 

Oggi sono più attente alla qualità, al valore e all’esperienza complessiva. Vogliono sentirsi coinvolti nel processo di acquisto e desiderano che il venditore capisca veramente le loro esigenze. 

La vendita aggressiva ignora queste esigenze e tende a concentrarsi solo sulla chiusura della vendita a tutti i costi. 

Questo approccio può far sentire il cliente come un mero numero e può danneggiare la reputazione del venditore e dell’azienda nel lungo termine. Invece, nel 2023, ciò che funziona è l’approccio consulenziale.

I venditori di successo si pongono come consulenti e partner dei clienti.

Ascoltano attentamente le loro esigenze, fanno domande pertinenti e cercano di comprendere la situazione unica di ogni cliente. 

Parlano meno – e ascoltano di più. Basandosi su questa comprensione, offrono soluzioni personalizzate che rispondono veramente alle necessità del cliente. 

Un venditore efficace nel 2023 è in grado di costruire relazioni solide, basate sulla fiducia reciproca. Investe tempo nell’educazione del cliente, nel fornire informazioni utili e nel risolvere i problemi del cliente. 

Questo crea un legame duraturo e un cliente soddisfatto che tornerà di nuovo a comprare e parlerà bene dell’azienda ad altri. 

In sintesi, la vendita aggressiva non funziona più nel 2023 perché le persone sono stanche della pressione e della manipolazione. Vogliono relazioni autentiche, soluzioni personalizzate e un approccio consulenziale. 

I venditori di successo si adattano a questo nuovo scenario, ascoltando attentamente, comprendendo le esigenze del cliente e offrendo valore aggiunto. Ricorda, le vendite di successo oggi sono basate sulla fiducia e sulla creazione di relazioni durature. 

Ma come si fa a fare tutto questo? 

Te lo spiego subito…

L’abilità n.1 per un Venditore

Nel vecchio modello, il venditore manipolava. Oggi il venditore deve… ascoltare. 

Saper ascoltare, stando ZITTO e ascoltando DAVVERO quello che il cliente dice, è probabilmente l’abilità numero uno. Parlare meno, e ascoltare di più. 

Ma quando ti dico di ascoltare, non intendo passivamente. Intendo ascoltare attivamente. 

Non solo. 

Ma ascoltare con un genuino interesse. 

Se dovessi riassumere tutto questo in una frase, la mia definizione dell’abilità numero uno di un venditore nel nuovo modello è:

Saper ascoltare attivamente e con reale interesse il cliente, facendogli poche, brevi, mirate domande e poi ascoltando la risposta.

Ma cosa significa ascoltare? 

Ascoltare significa essere presenti, in quel momento, con la persona che hai davanti.

Chiaro? 

Ascoltare significa: ascoltare. Fare una cosa, una soltanto, e farla bene.

Ascoltare attentamente il cliente è un'abilità cruciale per i venditori di successo.

1. Comprendere le esigenze del cliente: Ascoltare attentamente permette al venditore di comprendere le vere esigenze e i desideri del cliente. Questa comprensione è fondamentale per offrire soluzioni mirate e personalizzate che soddisfino le aspettative del cliente.

2. Costruire fiducia e rapporti: Il processo di vendita è basato sulla fiducia reciproca tra il venditore e il cliente. Ascoltare attentamente dimostra al cliente che il venditore è interessato a comprendere la sua situazione e le sue esigenze specifiche. 

Questo aiuta a creare una connessione più profonda e a costruire un rapporto di fiducia, che può portare a vendite ripetute e alla fidelizzazione del cliente.

3. Rilevare opportunità di cross-selling e upselling: L’ascolto attivo può aiutare il venditore a identificare opportunità di cross-selling e upselling. 

Capire le esigenze del cliente consente di individuare prodotti o servizi aggiuntivi che potrebbero soddisfare ulteriormente il cliente. 

Questo non solo incrementa il valore della vendita, ma dimostra al cliente che il venditore è realmente interessato a offrire soluzioni che siano di beneficio per lui.

4. Risolvere obiezioni e preoccupazioni: Gli acquirenti possono avere obiezioni o preoccupazioni riguardo all’acquisto di un prodotto o servizio. 

Ascoltare attentamente permette al venditore di individuare queste obiezioni e di affrontarle in modo adeguato. Rispondere in modo efficace alle preoccupazioni del cliente dimostra che il venditore si preoccupa realmente di risolvere i suoi problemi e può contribuire a superare gli ostacoli che potrebbero ostacolare la vendita.

5. Raccogliere feedback preziosi: L’ascolto attivo offre l’opportunità di raccogliere feedback preziosi dai clienti. Questi feedback possono aiutare il venditore a migliorare la propria offerta e adattare le strategie di vendita in base alle esigenze dei clienti. Il feedback dei clienti è un’importante fonte di informazioni per l’evoluzione e l’innovazione delle attività di vendita.

Approfondimento 3

Gli errori che commettono i venditori che non sanno ascoltare.

1. Prendere decisioni premature: I venditori che non ascoltano attentamente possono cadere nell’errore di assumere troppo presto cosa vuole il cliente, senza aver compreso appieno le sue esigenze. Questo può portare a proposte errate o a offerte inadeguate. O a bruciare la vendita del tutto. 

2. Ignorare le preoccupazioni del cliente: Un venditore che non ascolta attentamente potrebbe non essere in grado di affrontare le preoccupazioni o le obiezioni del cliente. Ignorare o minimizzare le preoccupazioni può far perdere fiducia al cliente e compromettere la possibilità di concludere la vendita. 

3. Focalizzarsi solo sulla vendita: Alcuni venditori concentrano la propria attenzione esclusivamente sulla conclusione della vendita, senza ascoltare appieno il cliente. Questo atteggiamento egoistico può allontanare il cliente e minare la fiducia reciproca. 

4. Non cogliere le opportunità di cross-selling e upselling: L’assenza di ascolto attivo può impedire al venditore di individuare opportunità di vendita aggiuntive o di upselling. 

Questo significa che potrebbero perdere l’opportunità di incrementare il valore della vendita e di fornire al cliente soluzioni più complete. In conclusione, un venditore che non sa ascoltare attentamente il cliente rischia di non comprendere le sue vere esigenze, di non costruire rapporti di fiducia e di perdere opportunità di vendita. 

Al contrario… 

Un venditore che pratica l'ascolto attivo dimostra interesse per il cliente, identifica le sue esigenze specifiche, risolve le obiezioni e crea una base solida per relazioni di lungo termine.

Perché è indispensabile saper ascoltare chi hai davanti?

Senti, capire perché è importante saper ascoltare le persone, specialmente quando sei un venditore, è come capire perché è importante mettere benzina nella tua macchina. 

Immagina di essere in una conversazione con qualcuno e tu stai solo pensando a cosa dire dopo, senza davvero prestare attenzione a quello che l’altra persona sta dicendo. 

È come se la tua macchina stesse per esaurire la benzina e tu non ti stessi preoccupando di riempirla. 

Cosa succederebbe? 

La macchina si ferma, e la conversazione finisce senza andare da nessuna parte. Quando ascolti attentamente qualcuno, invece, è come fare rifornimento di benzina per la tua macchina.

Hai la possibilità di capire veramente ciò che l'altra persona sta cercando di dirti e di connetterti con lei.

Sei in grado di cogliere i loro bisogni, i loro desideri, le loro preoccupazioni, e puoi rispondere in modo appropriato. 

Ora, pensa a un venditore che ascolta attentamente il suo cliente. Il venditore può capire quali sono i problemi del cliente, cosa cerca, cosa gli interessa davvero. 

Queste informazioni sono come l’essenza della benzina di vendita. Con queste informazioni, il venditore può offrire soluzioni su misura, presentare prodotti o servizi che rispondono alle esigenze specifiche del cliente. 

Questo crea un’esperienza migliore per il cliente e aumenta le probabilità di fare affari insieme. Inoltre, ascoltare attentamente il cliente ti dà un vantaggio rispetto ad altri venditori. 

Molte volte le persone amano parlare di sé stesse e dei loro problemi, quindi se tu dimostri di essere un ascoltatore attento, sarai diverso dagli altri venditori che vogliono solo vendere a tutti i costi. 

I clienti si sentiranno compresi e considerati, e ciò costruirà fiducia e relazioni solide. In breve, ascoltare le persone è fondamentale perché ti permette di capire davvero ciò di cui hanno bisogno o paura, e di offrire soluzioni mirate. 

È come mettere benzina nella tua macchina delle vendite per assicurarti che la conversazione si muova avanti e che tu possa costruire rapporti di fiducia con i tuoi clienti. 

Ora… 

Quando un venditore non ascolta attentamente, si verificano alcuni problemi. Prima di tutto, il cliente si sente frustrato e trascurato. 

Se stai cercando qualcosa di specifico e il venditore non presta attenzione, potresti pensare che non si preoccupi davvero delle tue esigenze. 

Questo potrebbe portarti a cercare altrove, dove senti di essere ascoltato e capito. Inoltre, un venditore che non ascolta attentamente potrebbe non comprendere appieno ciò che il cliente sta cercando. 

Potrebbe perdere importanti dettagli o richieste specifiche. Invece di offrire opzioni adatte, potrebbe proporre prodotti o servizi che non soddisfano le esigenze del cliente. 

Questo porta a una mancanza di soddisfazione da parte del cliente e a una ridotta possibilità di vendita.

Un pessimo venditore potrebbe anche distrarsi con i suoi pensieri o preoccupazioni personali invece di concentrarsi sul cliente.

Potrebbe pensare a cosa deve fare dopo il lavoro o a un problema che ha a casa. Questo significa che non sta dedicando la sua attenzione e la sua energia alla conversazione con il cliente. 

Il cliente può percepire questa mancanza di interesse e di impegno e può non sentirsi coinvolto o motivato a fare acquisti. In sintesi, un pessimo venditore che non sa ascoltare crea una pessima esperienza per il cliente. Il cliente si sente trascurato, non compreso e potrebbe cercare altre alternative. 

E sai che ti dico? Tutto questo accade ogni giorno, anche a venditori che si considerano “bravi”. 

“Ma io Mik ascolto i miei clienti!” 

Ne sei proprio sicuro? 

Io non metto in dubbio che tu sia convinto di ascoltare i tuoi clienti, ma non sono sicuro che tu lo faccia realmente. O comunque non nel modo giusto. Per tua fortuna, sono qui per aiutarti…

L’ingrediente MAGICO del nuovo modello

Eccoci finalmente al cuore di questo report.

Ovvero iniziamo a parlare del NUOVO modello, e in particolare dell’ingrediente magico che fa tutta la differenza del mondo fra il vecchio e il nuovo. Mi riferisco alle… … 

Domande Persuasive Neuro-Emotive 

Nel vecchio modello cosa accade? 

Io venditore devo manipolare te convincendoti di una verità che a un certo punto ti faccio accettare. 

Quindi sono io che ti porto da un punto A a un punto B. 

L’unica cosa che puoi fare tu è passivamente seguirmi. O rifiutare di seguirmi. Alcuni clienti accettano subito di seguirti, altri invece sono più titubanti. Ma a un certo punto devono comunque sottomettersi al tuo volere. 

E in tutti i casi sei tu venditore che devi convincere ME cliente a seguirti. Questo cosa comporta? Una marea di problemi. 

Ma soprattutto, banalmente, uno sforzo pazzesco. Immagina di tornare indietro di due secoli e di dover caricare due sacchi di grano su un mulo. 

Ma poi devi convincere il mulo a muoversi, e se non è contento, devi pure spingerlo di forza.

Ora immagina invece se il mulo decidesse DI TESTA sua di caricarsi in groppa la soma, e partisse di sua spontanea volontà… non sarebbe fantastico? 

Beh sul mulo non ti posso garantire niente, ma se invece parliamo di vendita è ESATTAMENTE quello che accade col nuovo modello.

Nel nuovo modello io venditore sono neutrale, centrato, ed effettuo domande persuasive neuro-emotive con le differenti tonalità richieste dalla specifica situazione.

Queste specifiche domande fanno sì che io venga considerato come una persona autorevole e affidabile dal prospect. 

Non solo! 

Ma lo fanno anche aprire profondamente come non ha mai fatto con nessuno. Si confiderà con te e abbasserà le sue difese. Si sentirà protetto, e si confiderà con te – come non ha mai fatto e come non farebbe MAI con nessun venditore. 

E sai cosa accade a quel punto? 

Una magia: mentre risponde alle tue domande, è LUI che si auto-persuade senza neanche accorgersene. 

Quindi nel nuovo modello è il prospect che dall’inizio alla fine ha la consapevolezza che è LUI a decidere di aver comprato e non il venditore che è stato bravo a convincerlo. 

Mi spiego meglio… 

Il potenziale cliente si sente in guida, dall’inizio alla fine. Si auto-convince, per così dire, anche se in realtà il verbo “convincere” a essere sbagliato. Non c’è nessuno da convincere. 

Il prospect semplicemente parla, risponde, si confida, si apre, e così facendo arriva DA SOLO alla conclusione di voler comprare. Senza nemmeno avere la percezione che tu abbia fatto qualcosa. E sai qual è la ciliegina sulla torta?

Che il buyer’s remorse cala a picco.

Sai quella sensazione che spesso può subentrare dopo un acquisto? Ti sarà capitato che un cliente dopo aver firmato un contratto ti richiama la mattina dopo per annullare tutto. 

O magari sarà successo a te, dopo aver comprato qualcosa, che subito dopo ti sei pentito, sei tornato sui tuoi passi, o addirittura hai annullato un contratto. 

Sai perché accade? 

Perché il venditore ha spinto troppo. Non ha dato il tempo al prospect di maturare la decisione d’acquisto, o lo ha fatto sentire “braccato”, messo all’angolo. 

Quando il cliente si sente messo all’angolo, a volte pensa che l’unico modo per uscirne è firmare il contratto – già sapendo che poi lo andrà ad annullare. Questo accade solo perché il venditore è stato troppo aggressivo, ed è andato all’ASSALTO del povero prospect. 

Poi c’è l’altro scenario: il prospect non ha razionalmente deciso di firmare per poi annullare il contratto, ma inconsciamente non era comunque del tutto convinto. 

Quindi firma, pensa di aver fatto la scelta giusta, il venditore PENSA di aver venduto, ma poi il giorno dopo il cliente ci ripensa e fa un passo indietro. O non fa il bonifico che avrebbe detto che avrebbe fatto. 

Ti è mai capitato? Sono sicuro di sì. Se sei un venditore non può non esserti mai capitato. Cosa è accaduto in questo caso? 

Il venditore non ha guidato il cliente nella scelta, ma lo ha condotto dal punto A al punto B. Lo ha convinto. Ma la convinzione non sempre è duratura. 

L’unica situazione in cui invece una scelta tende a rimanere inamovibile è quando la persona DECIDE da sola, o perlomeno ha la percezione di aver deciso da sola. 

Se il cliente è certo di aver preso da solo la decisione, perché di fatto si è persuaso da solo, allora la sua decisione sarà praticamente incisa su pietra. Perché ha maturato quella decisione. 

Si è auto-persuaso. Rispondendo alle DOMANDE specifiche, che il venditore gli ha posto in determinati momenti, e con le giuste tonalità. Quindi attenzione:

Solo le giuste domande, nel giusto momento, col giusto tono… ottengono questo risultato.

Quali sono queste domande? 

Un attimo di pazienza, ci arrivo fra poco…

La manipolazione non funziona più.

E cosa mi dici invece del cercare di manipolare i clienti per vendere loro qualcosa? 

Beh, ti dirò perché questa strategia non funziona più nel 2023. Immagina di essere un cliente e di entrare in un negozio. Il venditore ti si avvicina e inizia a utilizzare tutte le tattiche manipolatorie possibili per cercare di convincerti ad acquistare qualcosa. 

Ti fa sentire in colpa, ti spaventa con minacce di “offerte limitate”, o ti fa credere che la tua vita non sarà mai completa senza il loro prodotto. 

Tu gli credi? 

Ti dice che quella offerta “vale solo per oggi”. Che restano “solo 2 paia di scarpe in magazzino”. 

Oppure che con quelle scarpe sarai molto più attraente per l’altro sesso. 

Tu gli credi? 

Oppure ti recita un mega script tutto entusiasta e gasato, lo vedi su di giri. Sorrisone a mille, parlantina, e via di upsell. Tu ci caschi?

Le persone sono stufe di tutto questo.

Viviamo in un’era in cui l’accesso all’informazione è a portata di mano. Possiamo fare ricerche online, confrontare i prezzi, leggere recensioni e fare scelte informate. 

Quindi, quando un venditore cerca di manipolarci, la prima cosa che pensiamo è: 

“Ehi, non mi prendere in giro!” 

La manipolazione è come cercare di mettere una marionetta nelle mani di un venditore. Ma le persone non vogliono sentirsi controllate o ingannate. Vogliono prendere decisioni basate sul loro libero arbitrio e sulle informazioni che hanno a disposizione. 

Vogliono sentirsi rispettate e considerate come individui che possono pensare con la propria testa. Inoltre, la manipolazione crea una relazione di breve termine. 

Se un venditore riesce a manipolarti per farti acquistare qualcosa, potresti anche fare l’acquisto. 

Ma una volta che ti rendi conto che sei stato manipolato, ti sentirai tradito e non tornerai mai più da quel venditore. E cosa ancora peggiore, parlerai male dell’azienda ad amici e parenti, diffondendo la tua delusione

Nel 2023, ciò che funziona è l'approccio etico e trasparente. Il nuovo modello è basato sull’ONORE.

I clienti apprezzano la sincerità e l’onesta. Vogliono sentirsi considerati come persone, non come obiettivi da manipolare. Se un venditore è in grado di costruire una relazione di fiducia con il cliente, di fornire informazioni complete e di offrire soluzioni che soddisfano veramente le esigenze del cliente, avrà più successo. 

Quindi, lascia stare la manipolazione e concentrati su un approccio etico. Cerca di capire il cliente, ascoltalo attentamente e offri soluzioni che siano davvero adatte alle sue esigenze. 

Costruisci una relazione di fiducia e vedrai che i clienti torneranno a farti visita e parleranno bene di te ad altri. 

La manipolazione è un vecchio gioco che non funziona più nel mondo degli affari di oggi. 

E allora cos’è che funziona? 

Questo:

Vecchio Modello contro...

NUOVO MODELLO

👎 Nel vecchio modello...

👍 Nel NUOVO modello...

Quanto costa?

Ok, ho capito. Tutto bello ma tu vuoi la “ciccia”: vuoi sapere quanto costa questo programma, non è vero? Ti accontento subito. Se mi segui da un po’, dovresti sapere che il mio corso più famoso, Infomarketing X, è sempre stato in vendita a 1995 euro (e ne ho vendute oltre 2000 copie). 

Ecco, questo corso sulla vendita dovrebbe essere in vendita allo stesso prezzo. Ma visto che siamo in fase di lancio, e visto che voglio dare a più venditori possibile l’opportunità di entrare nella “famiglia” dei VTO

 

Che te ne pare?

Ormai l’avrai capito. Siamo arrivati al momento in cui finalmente ti venderò il mio nuovo corso. Lo so, è dall’inizio della pagina che aspetti questo momento, e finalmente ci siamo arrivati. 

Sei pronto? (se hai visto il webinar sai già tutto, quindi è inutile che ti fingi sorpreso) 

Ti presento…

Vendita telefonica

D'onore

955€

invece di 10114€ (o 2 rate da €555)

Ecco un assaggio di ciò che scoprirai:

Un’offerta che non puoi rifiutare.

No, tranquillo, niente teste di cavallo mozzate nel letto. Stavo pensando invece dimezzare il prezzo del corso. Proprio così, hai capito bene: Non 1995 €, non 1500 € e nemmeno 1000 €, ma solo...

955€ invece di 1014€ (o 2 rate da €555)

E i bonus?

Minchia se mi conosci bene! Certo che ti ho abituato troppo bene mi sa… però hai ragione. 

Dal 2015 ti ho abituato che vado in overdelivery, e alla fine erogo sempre molto più di quello che ti aspetti, e anche di quello che ti avevo promesso. Questa volta non fa eccezione. 

Per questo lancio speciale infatti ho pensato di andare all-in, con un valore stratosferico di BONUS:

Bonus n.1: Script Segreti del VTO (valore €1122)

Il mio tesoro segreto, gli script riservatissimi che ho creato per i miei venditori!

Bonus n.2: Tutor VTO personale & Tribe VTO (valore €1200)

Capito bene: non solo ti assegno un tutor personale, ma entrerai anche in una community segreta riservata solo ai VTO!

Bonus n.3: VTO Inner Circle Play-Roles (valore €2400)

Una call settimanale di allenamento con altri VTO e con dei tutor che si occuperanno del tuo addestramento.

Bonus n.4: ObiFlix (valore €897)

Una Raccolta dinamica di video inediti in costante aggiornamento per scoprire come gestire qualsiasi obiezione e chiudere la vendita.

Questa volta ho esagerato: SOLO i bonus hanno un valore di €5.619!

Quindi fammi capire… Prima che ci ripenso… mi stai dicendo che io ti sto dando un corso che vale 1995 euro + 5619 euro di bonus… a soli 955 euro? 

Ma siamo matti? 

Forse questa volta ho davvero esagerato! Ti conviene approfittarne prima che io ci ripensi – o che qualcuno del mio team ritiri l’offerta a mia insaputa!

Questo modello è innovativo! Ho scalato la mia azienda oltre 1.500.000€ l'anno velocemente

Giovanni Di Stefano - Medita Medical S.r.l.

Con anche l'aiuto del modello di vendita VTO™ sono passata da 10.000€ al mese a +80.000€ al mese in meno di sei mesi e il mio team di vendita ora è solido

Giulia Fiorenza - Creatrice del Metodo Booster

Vendevo a 3000€ convertendo il 3%. Con VTO™ ho iniziato a convertire al 15% vendendo a 4000€

Danilo Cuccagna - Creatore metodo Standup

Mik e il suo team mi hanno letteralmenmte cambiato la vita. MI sono licenziato e oggi vivo di coaching e ho un'azienda da €400k/anno che aiuta sempre più persone

Gabriele Fascendini - Fitness Coach

Vendita telefonica

D'onore

955€

invece di 10114€ (o 2 rate da €555)

Ma NON è finita qui! 

Ho deciso di aggiungere anche dei BONUS rapidità, solo per i più veloci.

Bonus velocità n. 1: 60 minuti di consulenza privata 1-to-1 (valore €650)

Un’ora di consulenza gratuita con un membro del mio team.

Bonus velocità n. 2: Analisi e creazione script personalizzato (valore €2500)

Creazione dei tuo personale script, o analisi del tuo attuale script di vendita.

Bonus velocità n. 3: Quiz + certificazione VTO + iscrizione nel database dei VTO che lavoreranno con noi e con i nostri clienti (valore €€€€ - non quantificabile)

Per entrare in contatto con aziende che seguono il mio metodo, nonché per collaborare direttamente con me nelle mie aziende. Da adesso in poi sarà SOLO da questo database che io e i miei studenti andremo a pescare i nostri futuri venditori.

Clicca il pulsante in basso e accedi:

Ancora una cosa...

Se sei ancora qui, è perché sei indeciso.

Quindi voglio aiutarti a decidere: tutti sanno, nel mondo dell’infomarketing, che io ho SEMPRE fornito una garanzia coi miei corsi. 

E che ho sempre mantenuto la mia parola ogni volta che davo questa garanzia. Quindi anche questa volta non fa eccezione. 

Se tu acquisti il corso, lo studi, lo applichi, e NON ottieni risultati concreti e tangibili… ti restituisco i soldi indietro (ma devi dimostrarmi di aver davvero studiato tutti i materiali). 

Questo perché sono così sicuro del valore di questi contenuti che sono disposto a mettermi in prima linea e a rischiare di tasca mia.

Tanto sono sicuro del valore di queste informazioni quindi l’unico modo che hai per NON farle funzionare è se NON le applichi – ma in quel caso la mia garanzia non serve a niente.

Quindi ora ti chiedo: cosa vuoi fare? Vuoi continuare a sbattere la testa contro il muro cercando di vendere col vecchio modello, o vuoi finalmente imparare a cavalcare il NUOVO modello della vendita? 

L’unico modo per avere successo con la vendita nel 2023 non è assaltare i clienti, ma ascoltarli e fare le giuste domande – con il giusto tono. 

Ritrova l’onore della vendita, diventando un Venditore Telefonico d’Onore. Siamo in tanti da questa parte. Non vedo l’ora di accogliere anche te nella “famiglia”. Un abbraccio, Mik.

P.S.:

Ti sei perso l’offerta e sei saltato giù alla fine? Tranquillo, ti faccio un brevissimo recap: 

1. Vendita Telefonica d’Onore è in fase di lancio a 955 euro (invece di 1995) – oppure due rate da 555€, in più ottieni in regalo 4 bonus gratuiti (del valore di 5.619 euro) + 3 bonus velocità (di valore inquantificabile) 

2. C’è la completa garanzia “Risultati ottenuti o soldi indietro” Questo è l’UNICO corso che spiega il nuovo modello di vendita per avere successo nel 2023 – mentre il vecchio modello non funziona più. 

3. Per sapere cosa intendo, ti consiglio di leggere tutto il report sulla vendita oggi, che trovi in questa pagina. Torna in cima e leggi tutto, oppure salva il PDF di questa pagina perché vale la pena conservarlo, è un vero report di oltre 8..000 parole!